9. Una città, un frullato di culture 🥤

ISTRUZIONI PER LA LETTURA SONORA
1) Questo post contiene suoni! Aprilo da un computer e fai passare il cursore ↗️ sopra ai simboli dell’audio [questi 🔊] per ascoltare le mie registrazioni di viaggio.
2) Se arrivi da wordpress.com collegati al post del sito ufficiale per non perderti l’esperienza multimediale.

Ora posso dirlo ufficialmente: la mia nuova missione è iniziata.

Questa mattina per la prima volta sono uscito da Amargeti, il piccolo villaggio in cui ero rimasto in isolamento per 30 giorni a causa del virus con la corona 👑 (o “koronoïoú”, come lo chiamano qui).

La mia destinazione? Paphos, una delle città più grandi e importanti dell’isola di Cipro.

[Amargeti (dove c’è il puntatore rosso) e Paphos, poco distante.]

Che dire di Paphos! Una cittadina carina, un po’ caotica [🔊], dal sapore orientale e allo stesso tempo occidentale. Ho visto chiese ortodosse, moschee, ristoranti tipici greci, pub inglesi e venditori di kebab. La lingua ufficiale della città però è il greco. Mentre invece nella capitale, Nicosia, si parla metà greco e metà turco, come indicato nelle istruzioni ufficiali del Comitato Internazionale Esploratori.

Io non parlo né il greco né il turco, ma quasi tutti capiscono la mia lingua qui. Non è stato difficile comunicare con gli abitanti del posto!

[Ecco una chiesa greco-ortodossa e, subito di fronte, un enorme pub-caffè inglese. Paphos è un insieme di stili diversi mescolati tra loro in maniera disordinata e vivace. Un vero frullato di culture!]

Da vero Budsie-marittimo quale sono, la prima cosa che ho fatto una volta uscito dal mio paesino sulla collina è stato raggiungere la spiaggia di Paphos. Dicono che sull’isola ci siano spiagge ben più spettacolari di quella che ho visitato io oggi, ma a me non importa. Ciò che mi serviva era un bel bagno e sono stato più che felice di tuffarmi nel mare di Paphos. Mi mancava davvero tanto fare una bella nuotata nell’acqua salata! 🌊 [🔊]

Per pranzo ho preso un pita gyros in un tipico ristorantino greco con vista sul mare. CHE BUONOOOO! Mi viene l’acquolina in bocca a ripensarci. 😋

E dopo mangiato ho fatto un giro per la città alla ricerca dei primi indizi per la mia missione. L’ufficio turistico mi ha dato una piccola guida con utili informazioni su Afrodite a Paphos. Sembra che la dea fosse particolarmente apprezzata dal primo re di Cipro, un ricco musicista e inventore di nome Cinira che, appunto, fu re di Paphos, primo re di Cipro e fondatore del culto di Afrodite

Devo scoprire di più su questo Cinira… nei prossimi giorni visiterò il parco archeologico della città. Lì sicuramente troverò delle risposte!

Per oggi posso dire di aver fatto abbastanza. Ho già inviato il mio report giornaliero a Filomena Willis, del Comitato Internazionale Esploratori, e ora voglio riposarmi un po’ nella mia casetta in collina. [🔊]

È stata una super giornata! Non vedo l’ora di rimettermi all’opera, domani, sulle tracce di Afrodite.

.

Vi lascio con un gioco che il Comitato Internazionale Esploratori mi aveva mandato durante l’isolamento. Vediamo se siete più bravi di me (il mio punteggio iniziale è stato di 43, ora sono arrivato a 95)!

.

GIOCO: LE ISOLE DEL MEDITERRANEO

Sapreste localizzare Cipro e le altre isole del Mar Mediterraneo sulla mappa? Cliccate sull’immagine qui sotto, leggete la scheda sulle 10 isole e iniziate il quiz cliccando sul pulsante rosso “GIOCA”. 

Clic sull’immagine qui sotto e poi sul pulsante rosso “GIOCA”

Istruzioni | La mappa si apre sul Mar Mediterraneo e le dieci isole colorate sono le nostre domande. Per iniziare il gioco basta cliccare sul menu a tendina bianco “selezioni dalla lista” e selezionare il nome dell’isola evidenziata in giallo. A ogni risposta corretta, il gioco andrà avanti con una nuova isola evidenziata in giallo. Quindi attenzione! Occhi ben aperti sui punti gialli. Alcune isole sono molto piccole e il tempo scorre velocemente… 😉

Un consiglio: una volta individuata l’isola di Cipro, muovetevi con i pulsanti “+/-” presenti sulla parte sinistra dello schermo per vedere la posizione dell’isola nel mondo. Io l’ho fatto e, credetemi, è stato sconvolgente vedere quanto sono distante in questo momento dalla mia Boynton Beach! 

.

Alla prossima avventura!

Rispondi